Per essere aggiornati
sulle pubblicazioni de
La Confederazione Italiana iscrivetevi alla newsletter mensile.
* campo obbligatorio
Il nesso tra teoria e bilancio integrato nelle imprese
L’impresa come organismo olistico coordinato dalla scienza contabile: le metodologie di G. Zappa e dei teorici anglosassoni
Von Hayek: attualitĂ  di un reazionario
“Sono arrivato a considerare la giustizia sociale null’altro che una formula vuota”
Molti consigli, ma poco denaro
Il nostro giornale mantiene il libero accesso, non ha disturbi pubblicitari, e siamo arrivati a circa tremila nuovi lettori al mese.
La teoria del valore di Rudolf Steiner, prima parte
Oltre alla Natura e al Lavoro, lo Spirito diventa un fattore produttivo
L’anima e l’economia
Appunti della conferenza tenuta a Kaliningrado il 23 aprile 1996
Le idee economiche di Trump
L’euro è al capolinea ormai ne servono almeno due
Pubblichiamo la versione integrale dell’intervista di Franco Rigatelli a Geminello Alvi apparsa sul quotidiano Libero lo scorso 12 settembre
Una replica: l’inizio nascosto delle fortune dei Clinton
“Esiste ed è esistito un International Anglophile Network, conosco le sue azioni perchĂ© le ho studiate per vent’anni”
Perchè la pura logica direbbe che Renzi va presto a casa
Da prima della Brexit le banche sono in difficoltĂ , ma il nostro chiacchiera e arriva in ritardo
Adiòs revoluciòn, Cuba ora sogna i dollari americani
Magliette, cappellini e bandierine a stelle e strisce. Ormai è sulla bocca di tutti: arriveranno gli yankee, stanno giá arrivando.
Le conseguenze economiche di Donald Trump
Le tesi economicamente scorrette del candidato repubblicano implicano un aumento del tasso di risparmio negli Stati Uniti
Il talento russo per resistere all’estremo
La nazione tiene: il peggioramento dei livelli di vita dei salariati, dei pensionati, la crescita dei poveri sono stati per ora digeriti
Il dilemma della Fed
Il pianificato rialzo dei tassi rischia di peggiorare le giá precarie condizioni economiche mentre il mantenimento di un approccio gradualista può scatenare nuove bolle speculative
L’unico sollievo adesso possibile
Secondo logica non resta altra via per influenzare nel breve termine il PIL europeo che una potente svalutazione dell’euro
Una spiegazione diversa del disastro che ritorna
Le bolle creditizie squilibrano non solo la struttura finanziaria, ma pervertono la struttura economica
Lo strano caso del professor Quigley
“Esiste ed è esistito un International Anglophile Network, conosco le sue azioni perchĂ© le ho studiate per vent’anni”
Lo scenario di Putin
Il rischio di esaurimento del fondo statale di riserva russo nel 2016 permane e tuttavia lo scenario economico ancora tiene
America, impero tra supremazia e declino
L’egemonia planetaria statunitense è appannata ma resiste. La sua forza risiede nella sinergia tra hard-power economico-militare e capacitĂ  di seduzione culturale
Pure il ripopolamento dei robot
Tra una decina d’anni il 45% delle funzioni di lavoro saranno svolte nel manifatturiero da automi. Caleranno i salari e aumenterĂ  lo squilibrio dei redditi?
Il difetto di Atlantide e le crisi economiche
Le catastrofi sociali sono sempre anticipate da un collasso morale. Leggere il Crizia di Platone e capire l’empietà dell’economia d’oggi
Il discredito dell’Europa
e il vento di euro che estenua
La vicenda greca finisca come vuole, è già finita, non doveva neppure iniziare, comunque è durata troppo
Non solo per i piĂą ricchi
Il quantitative easing è una manovra scriteriata per i suoi effetti sulla struttura dei prezzi relativi tuttavia compiace gli interessi dei più
Mercati azionari, una bomba
a orologeria
Le politiche monetarie hanno aumentato gli investimenti obbligazionari contribuendo a creare nuove bolle speculative
China Internet Plus Inc.
Premier Li Keqiang: “Aggiustare vigorosamente la struttura industriale”. Vaste programme, o del costo della censura cinese a Internet
Alla ricerca della ripresa economica, che ancora non c’è
Il deprezzamento dell’euro non serve a una ripresa duratura, e l’aumento dei corsi azionari non fa da leva a consumi e investimenti
La teoria delle Fluttuazioni economiche di Marco Fanno
L’economista veneto è stato in grado di formulare una vera e propria “teoria generale”, capace di unire sia la teoria del “sovra-risparmio”, sia la teoria del “sovra-investimento
La normalitĂ  ancora anormale della Cina
Non è elementare sostituire un’economia centrata sull’acceleratore degli investimenti pubblici con un’altra centrata su consumi e servizi
Molto dipende ora dalla Cina
Le distorsioni indotte da un eccesso di debito e le sue conseguenze nell’evolversi della situazione cinese
Ancora la questione balcanica
La crisi greca rientra nei tratti consueti della geopopolitica ottocentesca di quell’area
Altro capitale fittizio
L’indebitamento selvaggio continua a rappresentare il principale strumento di creazione di capitale e benessere ovunque nel mondo
La coppia comica
La farsa consueta reiterata di una sinistra sempre da rivoluzione finta che esiste solo per essere cooptata
La coppia tragica
La vicenda argentina suggerisce un’altra possibilità, ma Tsipras e colleghi sono inadeguati agli eventi
Tsipras: un’altra mano di poker
Il gioco al rialzo dei greci conferma che gli interessi economici del nord e del sud dell’Europa confliggono senza rimedio
Il rischio che il sistema europeo
si frantumi
Non è possibile attivare politiche adatte a perseguire gli obiettivi dei Trattati europei mantenendo le attuali strutture istituzionali
La Svizzera è fuori dall’euro
La Confederazione elvetica per prima ha capitolato. Gli altri seguiranno
Il piano Juncker: altro capitale fittizio?
L’annuncio di nuovi investimenti attrae la politica al di là della sua autentica efficacia
Andare oltre il fallimento dell’euro e la grande depressione
Questa crisi nasce dal non capire quanto la creazione di capitale sia ormai fittizia e una quota crescente di lavori perfettamente inutile
Un altro effetto dell’euro
L’industria europea si concentra in Germania perché il costo del lavoro per unità di prodotto è minore