Manifesto
E il corpo del cielo fu creato visibile e l’anima invisibile

“Questi ornamenti del cielo si possono ritenere i più belli e perfetti tra quelli intessuti nella stoffa del mondo visibile, ma sono di gran lunga inferiori a quelli veri, nei quali la velocità e la lentezza reale si muovono in relazione reciproca e muovono gli oggetti che racchiudono in sé secondo il vero
numero e tutte le vere figure; ciò si può cogliere con la ragione e il pensiero, non con la vista. […] Bisogna servirsi del ricamo celeste come di un modello per comprendere le realtà invisibili,
come se ci si imbattesse in disegni tracciati ed elaborati con eccezionale maestria da Dedalo o da qualche altro artefice o pittore. Un esperto di geometria, se li vedesse, giudicherebbe splendida la loro esecuzione, ma è ridicolo esaminarli seriamente con l’intenzione di cogliervi la vera essenza dell’uguale o del doppio o di qualche altro rapporto numerico». […] «Non credi dunque», domandai, «che un vero astronomo avrĂ  la stessa impressione, guardando i moti degli astri? Egli penserĂ  che il cielo e i corpi in esso racchiusi siano stati realizzati dal loro artefice nel modo migliore in cui si possono compiere tali opere; ma secondo te non riterrĂ  strano che si consideri il rapporto tra la notte e il giorno, tra questi e il mese, tra il mese e l’anno e quello degli altri astri con questi e tra loro come fenomeni immutabili e non soggetti ad alcun cambiamento, benchĂ© abbiano un corpo e siano visibili, e che si cerchi in ogni modo di coglierne la veritĂ ?» «Ad ascoltare queste tue parole, pare così anche a me», rispose. «Studiamo dunque l’astronomia», ripresi, «allo stesso modo della geometria, cioè per risolvere problemi particolari, e lasciamo perdere i fenomeni celesti, se vogliamo davvero occuparci di astronomia e rendere utile la parte naturalmente intelligente dell’anima, da inutile che era”. 
[Repubblica, VII]
spaziatore_20px
“L’anima, sparsa dal centro per tutto fino all’estremo cielo, avvolse questo tutt’intorno di fuori, e rivolgendosi in se stessa principiò un divino principio d’incessante e sapiente vita per tutto il tempo. E il corpo del cielo fu creato visibile, e l’anima invisibile; ma l’anima, che è partecipe di ragione e d’armonia, è la migliore delle cose generate dal migliore degli esseri intelligibili ed eterni”. [Timeo, 37]

Circa Virgilio
L’approdo di San Marco
Segni da una terra apocalittica
L’apocalisse di Tarkovskij
La conferenza «L’Apocalisse» di Andrej Tarkovskij
INTERVENTO TRATTO DAL SEMINARIO “L’IMMAGINE APOCALITTICA. TARKOVSKIJ E IL TEMPO PRESENTE”
L’Apocalisse tra immagine e respiro
Intervento tratto dal seminario «Il precipizio del tempo. “Circa la necessità degli apocalittici”»
Un percepire apocalittico
Intervento tratto dal seminario «Il precipizio del tempo. Circa “La necessità degli apocalittici”»
L’immagine come natura dell’essere umano in Andrej Tarkovskij
Intervento tratto dal seminario “L’immagine apocalittica. Tarkovskij e il tempo presente”
Apocalisse e vento anarchico
Intervento tratto dal seminario «Il precipizio del tempo. Circa “La necessità degli apocalittici”»
La tecnica eteronoma
Dall’Uomo tecnologico all’uomo agatologico
Il teatro apocalittico
Intervento tratto dal seminario «Il precipizio del tempo. Circa “La necessità  degli apocalittici”»
Quali funzioni per il territorio?

L’articolazione della comunitĂ 

con
G. Alvi, A. Calafati, G. Lupatelli, G. Vetritto

venerdì 14 maggio ore 17
L’immagine apocalittica

Tarkovskij e il tempo presente

con
G. Alvi, G. Chiaramonte, F. Melelli, E. Salvioni, A. Tarkovskij

mer 28 aprile 2021 ore 17