Manifesto
E il corpo del cielo fu creato visibile e l’anima invisibile

“Questi ornamenti del cielo si possono ritenere i più belli e perfetti tra quelli intessuti nella stoffa del mondo visibile, ma sono di gran lunga inferiori a quelli veri, nei quali la velocità e la lentezza reale si muovono in relazione reciproca e muovono gli oggetti che racchiudono in sé secondo il vero
numero e tutte le vere figure; ciò si può cogliere con la ragione e il pensiero, non con la vista. […] Bisogna servirsi del ricamo celeste come di un modello per comprendere le realtà invisibili,
come se ci si imbattesse in disegni tracciati ed elaborati con eccezionale maestria da Dedalo o da qualche altro artefice o pittore. Un esperto di geometria, se li vedesse, giudicherebbe splendida la loro esecuzione, ma è ridicolo esaminarli seriamente con l’intenzione di cogliervi la vera essenza dell’uguale o del doppio o di qualche altro rapporto numerico». […] «Non credi dunque», domandai, «che un vero astronomo avrĂ  la stessa impressione, guardando i moti degli astri? Egli penserĂ  che il cielo e i corpi in esso racchiusi siano stati realizzati dal loro artefice nel modo migliore in cui si possono compiere tali opere; ma secondo te non riterrĂ  strano che si consideri il rapporto tra la notte e il giorno, tra questi e il mese, tra il mese e l’anno e quello degli altri astri con questi e tra loro come fenomeni immutabili e non soggetti ad alcun cambiamento, benchĂ© abbiano un corpo e siano visibili, e che si cerchi in ogni modo di coglierne la veritĂ ?» «Ad ascoltare queste tue parole, pare così anche a me», rispose. «Studiamo dunque l’astronomia», ripresi, «allo stesso modo della geometria, cioè per risolvere problemi particolari, e lasciamo perdere i fenomeni celesti, se vogliamo davvero occuparci di astronomia e rendere utile la parte naturalmente intelligente dell’anima, da inutile che era”. 
[Repubblica, VII]
spaziatore_20px
“L’anima, sparsa dal centro per tutto fino all’estremo cielo, avvolse questo tutt’intorno di fuori, e rivolgendosi in se stessa principiò un divino principio d’incessante e sapiente vita per tutto il tempo. E il corpo del cielo fu creato visibile, e l’anima invisibile; ma l’anima, che è partecipe di ragione e d’armonia, è la migliore delle cose generate dal migliore degli esseri intelligibili ed eterni”. [Timeo, 37]

Il Carnevale di Bacco e Arianna
La festa e il ciclo del mondo. Tra terre leggendarie, simboli ed ermetismo
Alba da un arcano monte d’Italia
L’ARMONIA DELLA COMUNITÀ, TRA ORIGINE E DESTINO
Von Wirkow, atermico
Vita stravagante d’un barone eccentrico che non pativa né freddo né caldo, e prediligeva il respiro dei pesci e dei delfini
Artabane, il quarto re mago
Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: “Perché quest’olio profumato non si è venduto per trecento danari per poi darli ai poveri?”
Illuminazioni decembrine
La caduta di Fetonte e il pianto delle Eliadi
“Quando vi sentirete tristi guardate l’azzurro del cielo”
Nel dicembre del 1937 i sovietici assassinavano Pavel FlorenskiJ, filosofo e scienziato russo: tra le crepe del raziocinio umano aveva fatto penetrare la luce dello spirito
Vuol l’anima morir di viral vita?
Sulla presente crisi del Destino
Clausura senza Cielo
Senza slancio nella stanza che si fa barriera
Il Cuore sorridente dell’Europa
Untersberg. Montagna inviolabile e sovrana
Il mistero di Roma
Tra profezie e segni. Nel destino imperscrutabile della cittĂ  eterna
La distopia e la dimora

Il luogo non luogo della tecnica

con
A. Allegra, G. Alvi, R. Paradisi, A. Scarabelli, G. de Turris

sabato 6 marzo 2021 su Zoom

La cittĂ  diffusa

Per una nuova comunitĂ  di imprese e territorio nelle Marche
con
G. Alvi, A. Calafati, G. Lupatelli, M. Orazi, G. Vetritto

giovedì 25 febbraio 2021 su Zoom