Manifesto
E il corpo del cielo fu creato visibile e l’anima invisibile

“Questi ornamenti del cielo si possono ritenere i più belli e perfetti tra quelli intessuti nella stoffa del mondo visibile, ma sono di gran lunga inferiori a quelli veri, nei quali la velocità e la lentezza reale si muovono in relazione reciproca e muovono gli oggetti che racchiudono in sé secondo il vero
numero e tutte le vere figure; ciò si può cogliere con la ragione e il pensiero, non con la vista. […] Bisogna servirsi del ricamo celeste come di un modello per comprendere le realtà invisibili,
come se ci si imbattesse in disegni tracciati ed elaborati con eccezionale maestria da Dedalo o da qualche altro artefice o pittore. Un esperto di geometria, se li vedesse, giudicherebbe splendida la loro esecuzione, ma è ridicolo esaminarli seriamente con l’intenzione di cogliervi la vera essenza dell’uguale o del doppio o di qualche altro rapporto numerico». […] «Non credi dunque», domandai, «che un vero astronomo avrĂ  la stessa impressione, guardando i moti degli astri? Egli penserĂ  che il cielo e i corpi in esso racchiusi siano stati realizzati dal loro artefice nel modo migliore in cui si possono compiere tali opere; ma secondo te non riterrĂ  strano che si consideri il rapporto tra la notte e il giorno, tra questi e il mese, tra il mese e l’anno e quello degli altri astri con questi e tra loro come fenomeni immutabili e non soggetti ad alcun cambiamento, benchĂ© abbiano un corpo e siano visibili, e che si cerchi in ogni modo di coglierne la veritĂ ?» «Ad ascoltare queste tue parole, pare così anche a me», rispose. «Studiamo dunque l’astronomia», ripresi, «allo stesso modo della geometria, cioè per risolvere problemi particolari, e lasciamo perdere i fenomeni celesti, se vogliamo davvero occuparci di astronomia e rendere utile la parte naturalmente intelligente dell’anima, da inutile che era”. 
[Repubblica, VII]
spaziatore_20px
“L’anima, sparsa dal centro per tutto fino all’estremo cielo, avvolse questo tutt’intorno di fuori, e rivolgendosi in se stessa principiò un divino principio d’incessante e sapiente vita per tutto il tempo. E il corpo del cielo fu creato visibile, e l’anima invisibile; ma l’anima, che è partecipe di ragione e d’armonia, è la migliore delle cose generate dal migliore degli esseri intelligibili ed eterni”. [Timeo, 37]

L’immagine apocalittica
Tarkovskij e il tempo presente. Seminario tenuto il 28 aprile 2021
Quando l’io si fa cosmogonia
In dialogo con un apocalittico
La polaritĂ  apocalittica e H. G. Wells
Intervento tratto dal seminario “La distopia e la dimora”
“Pensare oltre la notte del mondo”
Intervento tratto dal seminario “La distopia e la dimora”
Claudia Procula
Tra giustizia umana e giustizia divina
Il Carnevale di Bacco e Arianna
La festa e il ciclo del mondo. Tra terre leggendarie, simboli ed ermetismo
Alba da un arcano monte d’Italia
L’ARMONIA DELLA COMUNITÀ, TRA ORIGINE E DESTINO
Von Wirkow, atermico
Vita stravagante d’un barone eccentrico che non pativa né freddo né caldo, e prediligeva il respiro dei pesci e dei delfini
Artabane, il quarto re mago
Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: “Perché quest’olio profumato non si è venduto per trecento danari per poi darli ai poveri?”
Illuminazioni decembrine
La caduta di Fetonte e il pianto delle Eliadi
Quali funzioni per il territorio?

L’articolazione della comunitĂ 

con
G. Alvi, A. Calafati, G. Lupatelli, G. Vetritto

venerdì 14 maggio ore 17
L’immagine apocalittica

Tarkovskij e il tempo presente

con
G. Alvi, G. Chiaramonte, F. Melelli, E. Salvioni, A. Tarkovskij

mer 28 aprile 2021 ore 17