Homo Dyspracticus

Quando il domani è già tra noi

Nella città di Paracelso e Mozart, alla stazione, sono salito su un bus, che sarebbe partito dopo circa dieci minuti.

dentato_50pxSale una coppia di turisti in matura età – fra cinquanta e sessanta –, proveniente da uno di quei lontanissimi Paesi ormai da tempo digitalcompenetrati e -metamorfizzati: dove da tempo gli umani vivono, beatamente o coercitivamente onirizzanti, fin nella più inappariscente quotidianità, l’onnicomoda delega della prassi, dell’intelligenza e del pensare a patrimaterna onnisorveglianza telecomandata.

dentato_50pxLa suddetta turistizzante coppia deve trasportare due piccoli, comodi “trolleys” – per chi non ama simili locuzioni: “rotellati bagagli” – ed una borsa.

dentato_50pxMentre la matura signora subito si accomoda, il matur signore s’ingegna di sistemare il tutto nello spazio destinato a bici, bagagli e così via. Ed acumina a tal punto ed in tal misura l’ingegno da decidere di sistemare i due trolleys in posizione verticale, ossia di modo che … poggino sulle rotelle. E si accomoda anche lui… per poco tempo beato, causa partenza del bus, con ovvio, istantaneo cominciamento di sguisciantemente danzante trolleyaggio. Il buon uomo comincia, allora, a smanettar sgambettando, sgambettar smanettando dietro al turbinar di quell’ilare danza, dove la trolleyal intelligenza è – sconsolante evidenza! – abissalmente più scaltra dell’animal smartphonizzata. E così il trolleyal danzar prosegue per eonici minuti, mentre lo smartphonico turista, con disperata compostezza, sperimenta ogni possibile strategia per comporre sinfonia fra il – più o meno – sedersi ed il domar il rotellante trolleyaggio. L’esito è indefinito rincorrer la birbante trolleyca coppia… finché – dopo diversi minuti di (cinica o incredula?) contemplante maraviglia dinanzi a sì inatteso orgiasmo – non decido di alzarmi, per mostrare allo smartphonico turista che il buon trolley – oh, che sorpresa! – può essere posizionato anche in orizzontale, sì da domar lo straniante rotellamento.

dentato_50pxPer tutto il viaggio ho dovuto pensare a quanto è ingiusta la critica spesso rivolta ai digital natives, sovente presentati quali ardite avanguardie d’abissal intellettualmanual imbranataggine. Ebbene no: finora nessun infante o adolescente mi aveva offerto uno spettacolo come quello messo in scena, con composto eroismo, dal trolleyco circense venuto da terre estreme.

dentato_50pxUn innocuo viaggio in bus mi ha insegnato che Homo Dyspracticus vive già oltre la propria aurora e alba: in terre estreme non è più Sol dell’Avvenire, sibben già visibile e raggiante sol del nostro presente, fin nei rappresentanti delle età più mature e delle fasce sociali più agiate – escludo che i due turisti appartenessero alla working class del Paese da cui provenivano… forse hanno frequentato qualcuna delle Università eccellenti ormai additate ad esempio (in nome di questo o quel ranking)  per noi primitivi d’Europa?

dentato_50pxUn innocuo viaggio in bus mi ha insegnato che il postumano è già fra noi: nella carne e nelle ossa – il cervello è ormai lontano ricordo – di homines che nulla più manifestano di humus, abissalmente – e beatamente? – lontani da ogni principio di attività generativa, sia intellettuale sia manuale, e certamente pronti a delegare ulteriormente, ed indefinitamente, con inebetito sollievo, ogni presente e futuro principio d’attività e responsabilità… fino al giorno in cui un gentile ed onesto robot li accoglierà nel bus, per toglier loro anche l’ormai disperante fatica di affrontar delinquezial coppia di piccoli trolley. A quel punto potranno finalmente non staccarsi più dal digitalapparecchio: non più costretti, come invece fu l’eroico smartphonico turista nella città di Paracelso e Mozart, a trolleyggiante corrida, abissalmente lontano dal rassicurante grembo di smartica patrimaternità.

dentato_50pxRiusciranno Paracelso e Mozart, l’Alchimia e la Musica, ad evitar che l’Europa sia combusta da cotal Sol dell’Avvenire?

 

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *