La guerra è più che perduta, e da tempo ma... i morti in guerra decidere inevitabile
Eroe

La guerra è più che perduta, e da tempo ma… i morti in guerra decidere inevitabile

Carlo Faggioni

E TUTTO DA APPENA MORTO GLI ACCADDE DI RIVEDERE QUINDI A RITROSO IN SINCOPE CIRCOLARE D’EVENTI

Cieli talmente nitidi sui quali il giallo si dora, dove inoltrandosi il cuore accelera il rosso che sfuma delle nuvole, per caricarsi della vita che infiamma l’orizzonte e trionfa prima della tenebra. Così, 10 aprile del ’44, il cielo avvolgeva di cinabro il capitano pilota Carlo Faggioni, mentre ristudiava l’elementare piano di volo dei suoi aerosiluranti. Nello sguardo fermo, eppure di praticità sognante, occhi neri beffardi come solo gli italiani hanno. Temerario, decorato di cinque medaglie d’argento, tre di bronzo e croci di ferro tedesche di seconda e prima classe, ma non vi badava. Preciso, si complimentò: almeno la rotta era facile. Via diritti fino al Duomo d’Orvieto, dove c’era da deviare fino a Civitavecchia e ad Anzio: per silurare le navi americane. Dei tredici aerei della sua squadriglia, quattro giorni prima, sette erano stati abbattuti dai Thunderbolt, che per una spiata li attendevano sopra alle colline del Chianti.

dentato_50pxMa i rimasti s’erano decisi a proseguire, anche i più inesperti. Però lui pensò suo dovere d’aiutarli: per dargli più assetto al decollo ordinò che fossero riempiti i serbatoi centrali. E per lealtà li fece riempire anche sul suo aereo, benché fosse in azione più rischioso e la sua gran perizia non lo richiedesse. Alle 22 e 15 iniziarono i decolli. Per aria, mentre nella notte sorgevano le costellazioni. Ecco presto il Tirreno, quindi gli scacchi delle tende e i cannoni delle contraeree e un cargo immenso. Basso, radente al mare, Faggioni badava solo che il suo siluro potesse sganciarsi diritto dentro la pancia di quel trasporto. Ma il Savoia Marchetti 79 esplose in un lampo come il cinabro del tramonto e il blu delle costellazioni e la sua vita.

dentato_50pxE tutto da appena morto gli accadde di rivedere quindi a ritroso in sincope circolare d’eventi: ancora dietro una carlinga d’aereo nel  marzo 1944, quando con gli SM79 attaccò i nemici che per lui erano restati gli stessi. Coi desueti caccia dell’Aeronautica repubblicana a difendere le città dalle bombe che gli alleati di qualcun altro vigliacchissimi seguitavano a gettarvi. E prima, invece, a Carrara l’8 di settembre del 1943: la gente in festa che grida la guerra è finita, e pure lui contento: «Magari avessero ragione».  Nella confusione, pignolo, si mise alla ricerca cocciuta di ordini. Addirittura obbedì a volare in Sardegna dagli alleati. Ma la sua squadriglia che parte tardi e i tedeschi che la mitragliano, tre dei suoi abbattuti e lui che rientra. Il dubbio, lo sdegno che monta per il re che scappa con Badoglio.

dentato_50pxIl ritorno a Carrara; la guerra è più che perduta, e da tempo ma… i morti in guerra: decidere inevitabile. E nulla sa degli altri. Volati alcuni via, ormai dalla parte degli Alleati, in tale abbondanza di mezzi che lo colma di stupore: com’è stato possibile resistere in guerra tanto a lungo. Quindi lui invece a Firenze, ma tutti scappano, convintosi a rifare squadre di aerosiluranti per l’Aeronautica nazionale repubblicana. Scrive, arrivano gli amici. Solo pochi mesi prima, d’agosto, il medico militare gli aveva imposto riposarsi per esaurimento nervoso. Ma c’era lei, gonna con le bretelle, scarpe di sughero l’onda dei capelli sulla guancia: lui in licenza: beato, i denti di lei, e le nocche così a carezzare le guance.

dentato_50pxLontani i terribili cieli nel brusio dei motori, quando bisognava intendersi a cenni perché non c’erano proprio le radio adatte. E il 14 giugno del 1942… le navi inglesi e i suoi trimotori a pelo d’acqua: silurate la «Malaya» e la «Argus», diga sul mare, ma fu inutile, i siluri erano sabotati. La caccia, comunque, a braccarli prima e dopo il lancio. Preciso nell’uccidere, ma per amor di patria e ogni volta rischiando la vita: il più bello di tutti. Dal 15 aprile del 1941 al 24 luglio del 1943, ben 21 azioni di siluramento senza sbagliare un lancio per 200 mila tonnellate; mercantili, corazzate; arrivare a ottocento metri, non mollare prima. E Buscaglia, suo amico, l’ira nel 1941 all’arrivo sull’isola di Rodi, alla 281esima squadriglia: arriva in perfetta formazione, a rischio, per fare lo spaccone, atterra, sbanda, si scontra con tre aerei in sosta. Ma poi la prima azione, quando con l’aereo circonfuso di lampi, silurò 16 mila tonnellate di petroliera e si liberò in acrobazia dei caccia.

dentato_50pxPrima: la guerra d’Etiopia, gli scorpioni, la terra così rossa, il caldo, la malaria, i vuoti d’aria e l’orizzonte immenso. E il Savoia Marchetti 79; ad Aviano lo pilotava già come un caccia: looping, tonneau, giri della morte. Alla scuola di Pisa il 19 agosto 1935 il brevetto di pilotaggio; vent’anni compiuti e il desiderio solo di volare. Tant’è che neanche gli era riuscito di finire il Liceo: sarebbe scaduto il bando di arruolamento.

dentato_50pxE l’innamorarsi dell’Italia, il crederci, farne infantile purissima immagine di gloria, e Carrara, le cave di marmo che gli entra purissimo e duro nell’anima. E, intorno a lui bambino, i cavatori e suo padre che la sera lo cerca; sulle sue ginocchia a dondolare; e ride. Tutto nel lampo in cui l’aereo cadde a pezzi nel mare. Si sentì cavalcare in alto, a guardare giù la colonna di spruzzi immensa che la coda fece alzare: «Sì forte ella nel mar batte la coda, che fa vicino al ciel l’acqua innalzare; tal che non sa se l’ale in aria snoda, o pur se ’l suo destrier nuota nel mare». Ariosto, Orlando Furioso; Canto X, ottava 106.

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


  1. Grazie! Sinceramente sarebbe giunta l’ora di ricordare i grandi militari d’Italia. Aggiungo che, molto probabilmente fu vittima più volte di un vero e propio sabotaggio, operato a favore degli inglesi e poi degli americani, da parte di infiltrati. Non sarebbe venuto il momento di “un’operazione verità”? Quanti erano già al soldo deglj angloamericani a partire dal 1940? Vi sono “misteri” (di pulcinella) circa la strategia militare italiana, vedi il caso dell’Isola di Malta, o la campagna di Grecia etc etc che si spiegano solo in un modo…Speriamo non più attuale…