Da nonni a statali

Quella che per anni è stata una bufala sul web – la storia che in Svezia i nonni venissero pagati dallo stato per stare coi nipoti – nell’Italia a cinquestelle del trittico Conte-Di Maio-Casalino è divenuto naturalmente realtà. E così il bonus baby-sitter finalmente verrà esteso ai nonni, come chiarito da apposita circolare interpretativa Inps (perché intanto siamo tornati anche alle grida manzoniane). Inps che nella fantasia immorale di questo governo è divenuto ente erogatore di provvidenze statali ad ex cittadini intanto ridotti dall’imposto lockdown indiscriminato all’accattonaggio per ottenere prebende pubbliche. E così ora potranno essere i nonni a mettersi in fila nella corte dei miracoli a cui una banda di improvvisatori ha ridotta l’Italia. Dilettanti, e però animati in ogni decisione e ad ogni passo da sicuro istinto distruttivo: tanto da insinuare ora la venalità persino in quella prassi di solidarietà cosciente e voluta che ha sempre innervato le famiglie lunghe italiane. Piene di difetti ma almeno animate dalla logica del dono e tenute da saldi nessi intergenerazionali. Del resto nella percezione del mondo priva di spirito dei Conte, dei Casalino, dei Di Maio non esistono un costume e una mentalità nazionale, non esistono cittadini liberi di intraprendere, lavorare, donare; esistono solo plebi affamate, clientes, masse da sussidiare che si muovono in un clima obliquo e procacciatore. Nessuna seria politica dunque per favorire la sussidiarietà, nessun quoziente famigliare, nessuna cultura di autentica economia sociale di mercato, allargamento del cuneo fiscale, investimento mirato ma di nuovo e ancora assistenzialismo. E sempre più scientificamente esteso, anche considerando che il bonus nonni è destinato a chi non percepisce già altre forme di integrazione del reddito. Ed è dunque concepito per acquisire nuovi clientes al di fuori dei perimetri già presidiati dallo stato elemosiniere. Nonnismo di stato contro la società civile.

 

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *