Biagio Marin – Minudagia

Oh, la tristessa de la luse estiva/ che ’i dà la note fin al sielo biavo;/ oh, gran deserto sensa un’ala viva/ del sielo svodo sora ’l mar de Gravo.// Che mal in cuor quel svodo cussí grando,/ che fita in cuor, quel sielo cussí fermo!/ Che vol, che vol ’sto cuor infermo,/ che via per l’aria incòra ’l va baucando?// Una nuvola d’oro zoveneta/ da vêghe navegâ pel sielo fondo,/ e andâ co’ ela, in svolo sora ’l mondo/, portài dal vento fin a note queta.//

 

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *