Biagio Marin – Cô intro nel silensio tovo

Cô intro nel silensio tovo, /a passi inserti perché ‘l cuor me trema,/ ascolto el to poema/ che tu canti nel rovo.// No’ stâ cassâme via:/ me fasse sielo svodo/ par strênze un novo nodo/ co’ la to lontanía.// No pretendo d’esîste/ né de durâ un autun:/ no so nissun:/ un color viola perso d’ametiste.

(Quando entro nel silenzio tuo/ a malfermi passi tremando in cuore/ ascolto il poema/ che tu canti fra i rovi.// Non scacciarmi via:/ sarò cielo vuoto/ per stringer nodo nuovo/ con la tua lontananza.// Non chiedo più esistenza/ né la durata di un autunno:/ sono un nessuno,/ colore viola perso d’ametista.

[Biagio Marin, da El vento de l’eterno se fa teso

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *